La Grande Guerra Caporetto

Immagine: 
Un viaggio nella memoria
24/10/2017
Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina

L’appuntamento al Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina è un invito a ricordare questo drammatico episodio storico, conosciuto solo superficialmente dai più, e rendere così un necessario tributo in parole e musica ai tanti soldati italiani caduti nella tragica occasione.

A 100 anni dalla battaglia di Caporetto - combattuta durante la Prima Guerra Mondiale tra il Regio Esercito italiano e le forze austro-ungariche e tedesche - che ebbe inizio nelle prime ore del 24 ottobre 1917, il Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina ospita un evento in memoria, promosso da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale - Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali.
Il Museo per l’occasione osserva un’apertura straordinaria pomeridiana dalle 17.30 alle 20.30, nel quadro delle iniziative di approfondimento dei temi legati alla Grande Guerra attualmente in corso in tutta Italia e non solo.
La notte che precede l’alba della tragica mattina del 24 ottobre 1917 a Caporetto, sul fronte dell’Isonzo, è una notte oscura e nebbiosa: in un clima particolarmente tetro e minaccioso uomini e natura sembrano premere insieme, come un destino inesorabile, alle porte d’Italia. L’inferno si scatena di lì a poco e in breve tutto, trincee, camminamenti, ripari, è sconvolto: gli osservatorii accecati, i collegamenti spezzati. Sulla linea più avanzata restano solo catene di uomini annichiliti dal gas o devastati dai bombardamenti, mentre dietro il disordine e lo sgomento si impadroniscono delle truppe italiane, decimate dapprima dagli ordigni e dalle armi chimiche preparatorie all’attacco, e sbaragliate poi dall’assalto congiunto di truppe austriache e rinforzi tedeschi, giunti dal fronte russo.
Malgrado in molti punti le nostre truppe preferiscano l’onore di una difesa disperata alla resa o al ripiegamento, l’avanzata della 14a armata austro-tedesca è inarrestabile: a eccezione dell’altipiano della Bainsizza, dove è valorosamente contenuto e respinto, il nemico preme ormai alla testata di tutte le valli e dilaga senza freno, al punto che il Comando Supremo si vede costretto a ordinare la ritirata delle armate dall’Isonzo al Tagliamento e di lì, poi, alle linee del Piave e del Grappa.
Luoghi e protagonisti di quella triste pagina della memoria nazionale rivivranno grazie a una suggestiva raccolta di immagini e approfondimenti, che saranno accompagnati da una selezione mirata di canti della Grande Guerra a cura di Graziella Antonucci e Marco Quintiliani, come da pagine dal fronte recitate dalla voce di Ivana Monti.
Un’accorta selezione di cimeli e armi dell’epoca, che saranno presentati nel corso della serata, sarà l’occasione infine per far comprendere meglio la differenza bellica delle forze in campo: interverranno in questo senso il collezionista Giovanni Adducci e Massimo Capone dell’Associazione Tiro ad Avancarica.
Intervengono
Mara Minasi, Giovanni Adducci, Massimo Capone
Atmosfere musicali
Graziella Antonucci, Marco Quintiliani
Letture
Ivana Monti

Informazioni

Luogo
Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina
Orario

Martedì 24 ottobre 2017
Dalle ore 18.00

Biglietto d'ingresso

Ingresso libero fino ad esaurimento posti

Informazioni

060608 tutti i giorni 09.00 - 19.00
 

Tipo
Evento|Conferenze, Evento|Incontri
Prenotazione obbligatoria:
No

Sala stampa

Documenti

Eventi correlati

Non ci sono attività in corso.
Non ci sono attività in programma.
Non ci sono attività in archivio.