Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina

menu di accesso facilitato

vai direttamente a:
contenuto. cerca, sezione. lingue, menu. servizi, menu. principale, menu. percorso, menu. piedipagina, menu.

Home > Percorsi per sale > La Costituzione. La Costituzione della Repubblica Romana

Percorsi per sale

Il percorso espositivo si snoda lungo i quattro piani dell’edificio raccontando ambiente per ambiente le vicende storiche della Repubblica Romana e della tradizione garibaldina ed è suddiviso in singole sezioni in cui accanto a materiali storico-artistici tradizionali trovano posto approfondimenti multimediali e didattici che, introducendo agli argomenti della sala, danno continuità al racconto.
Con l’ausilio di carte geografiche e immagini interattive, proiezioni, video e plastici, che accompagnano dipinti, incisioni e cimeli storici, è possibile rievocare i luoghi, le date e i principali protagonisti dei fatti di quegli anni, dai moti del ’48 alla fase liberale di Pio IX, alla fuga del pontefice a Gaeta sino alla proclamazione della Repubblica Romana e alla promulgazione della Costituzione, per giungere infine al suo tragico epilogo con l’assedio francese che portò alla conclusione dell’esperienza.

La Costituzione. La Costituzione della Repubblica Romana

Suggello della Repubblica può essere considerata la Costituzione, proclamata in Campidoglio il 3 luglio 1849, quando già le truppe francesi avevano occupato la città. Si tratta di un testo organico e ben equilibrato in ogni sua parte, che deve la sua ispirazione a Mazzini e alla tradizione democratica affermatasi con la Rivoluzione francese. La sua stesura fu opera di una Commissione della quale facevano parte, tra gli altri, Quirico Filopanti, Giuseppe Galletti, Enrico Cernuschi, Cesare Agostini, ma non Mazzini più favorevole ad una dichiarazione d’intenti che ad un vero e proprio testo costituzionale, che, a suo avviso, si sarebbe dovuto stendere solo a unità nazionale avvenuta.
Dei principi fondamentali che compongono la Costituzione risaltano, in particolare, il terzo, che stabiliva un impegno di carattere sociale volto al miglioramento delle condizioni morali e materiali di tutti i cittadini, e il settimo, che ribadiva il principio della netta seperazione tra stato e chiesa. Nel quarto, di chiara ispirazione mazziniana, si precisava che “la repubblica riguarda tutti i popoli come fratelli, rispetta ogni nazionalità, propugna l’italiana”.
Questa costituzione, ha scritto un commentatore inglese, Bolton King, “avrebbe fatto sorgere in Roma un’era nuova: ma il valore e la saggezza a nulla valsero, e la città fu risospinta indietro”.

torna al menu di accesso facilitato.


torna al menu di accesso facilitato.